Room escape: il nuovo real-life game arriva a Napoli

11745375_636620459805836_1954953187589530230_n

Un gruppo di amici rinchiuso all’interno di una stanza e un’ora di tempo per uscirne. Come? Ricorrendo all’ingegno e all’astuzia per risolvere enigmi e trovare indizi all’interno della camera.

No, non è la trama di un film dell’orrore. E’ il gioco del momento, nato qualche anno fa in Giappone e diffuso in pochissimo tempo prima negli Stati Uniti e poi in Europa: le escape rooms.

In italia le escape rooms attualmenti presenti sono principalmente al Nord. Ancora per poco.

Mancano infatti appena un paio di settimane all’apertura della prima escape room del Sud Italia, proprio nella nostra città, Napoli. Marco Stoppelli, 27enne, da circa sei anni operante nel settore turistico-alberghiero, è per caso venuto a conoscenza del fenomeno delle escape rooms grazie al web.

Il fatto che nel Sud Italia ancora non si fosse sviluppato tale fenomeno ha stimolato il suo spirito imprenditoriale e ha così deciso di investire in un’attività che sta spopolando all’estero e in alcune città del Nord Italia.

E ora manca pochissimo all’apertura: la prima escape room del Sud Italia sarà a Napoli, in Via diocleziano 86 (zona Fuorigrotta).

Non resta che attendere ancora un po’ e nel frattempo allenare l’ingegno.

Tutti i dettagli alla pagina facebook ufficiale.

Annunci

La tombola napoletana

TombolaNatale si avvicina e la nostra città è piena di antiche tradizioni che per fortuna non sembrano svanire.

Tra queste, la mitica tombolata che tiene impegnati amici e parenti nelle giornate di festa, dopo cena e in attesa della mezzanotte che dà il benvenuto al nuovo anno.

Forse pochi sanno che la tombola napoletana ha origini antichissime.

Nasce, infatti, nel 1734 per una diatriba sorta tra il re Carlo III di Borbone, che era deciso ad ufficializzare il gioco del lotto nel Regno, perchè se fosse rimasto clandestino avrebbe sottratto introiti alla casse dello Stato, ed il frate domenicano Gregorio Maria Rocco, che riteneva il gioco del lotto un amorale e ingannevole diletto per i suoi fedeli.

Alla fine riuscì a spuntarla il re, ma a patto che nella settimana delle festività natalizie il gioco venisse sospeso perchè il popolo non doveva distrarsi dalle preghiere.
Il popolo che non voleva rinunciare a giocare si organizzò in un altro modo: i novanta numeri del lotto furono racchiusi in un “panariello” di vimini e furono disegnati i numeri su delle cartelle, così la fantasia popolana trasformò un gioco pubblico in un gioco a carattere familiare.

Il nome tombola deriva dalla forma cilindrica del pezzo di legno dove è impresso il numero e dal rumore che questo fa nel cadere sul tavolo dalpanariello, che una volta aveva la forma del tombolo.

Ai novanta numeri del gioco furono dati significati diversi, che variano da regione a regione; quelli della tombola napoletana sono quasi tutti allusivi e talvolta scurrili.

Molto famose a Napoli sono le tombolate dei “femminielli” dei vicoli dei quartieri popolari della città.

Ecco di seguito i numeri e il loro significato:

1 L’Italia
2 ‘ A criatura (il bimbo)
3 ‘A jatta (il gatto)
4 ‘O puorco (il maiale)
5 ‘A mano (la mano)
6 Chella che guarda ‘nterra (organo sessuale femminile)
7 ‘A scuppetta (il fucile)
8 ‘A maronna (la madonna)
9 ‘A figliata (la prole)
10 ‘E fasule (i fagioli)
11 ‘E surice ( i topi)
12 ‘E surdate ( i soldati)
13 Sant’ Antonio
14 ‘O mbriaco (l’ubriaco)
15 ‘ O guaglione (il ragazzo)
16 ‘O culo (il deretano)
17 ‘A disgrazia (la disgrazia)
18 ‘O sanghe ( il sangue)
19 ‘ A resata (la risata)
20 ‘A festa (la festa)
21 ‘A femmena annura (la donna nuda)
22 ‘O pazzo (il pazzo)
23 ‘O scemo (lo scemo)
24 ‘E gguardie (le guardie)
25 Natale
26 Nanninella (diminuitivo del nome Anna)
27 ‘ O cantero (il vaso da notte)
28 ‘E zzizze (il seno)
29 ‘O pate d”e criature (organo sessuale maschile)
30 ‘E palle d”o tenente ( le palle del tenente- riferito all’organo sessuale maschile)
31 ‘O padrone ‘ e casa (il proprietario di casa)
32 ‘O capitone (il capitone)
33 Ll’anne ‘ e Cristo (gli anni di Cristo)
34 ‘A capa (la testa)
35 L’aucielluzzo (l’uccellino)
36 ‘ E castagnelle ( sorta di petardi )
37 ‘O monaco (il frate)
38 ‘E mmazzate (le botte)
39 ‘A funa ‘nganna (la corda la collo)
40 ‘A paposcia (ernia inguinale)
41 ‘O curtiello (il coltello)
42 ‘O ccafè (il caffè)
43 ‘A femmena ‘ncopp” o balcone (la donna al balcone)
44 ‘E ccancelle (il carcere)
45 ‘O vino (il vino)
46 ‘E denare (i denari)
47 ‘O muorto (il morto)
48 ‘O muorto che parla (il morto che parla)
49 ‘O piezzo ‘ e carne (il pezzo di carne)
50 ‘O ppane (il pane)
51 ‘O ciardino (il giardino)
52 ‘A mamma (la mamma)
53 ‘O viecchio (il vecchio)
54 ‘O cappiello (il cappello)
55 ‘A museca (la musica)
56 ‘A caruta (la caduta)
57 ‘O scartellato (il gobbo)
58 ‘O paccotto (liimbroglio)
59 ‘E pile (i peli)
60 Se lamenta (si lamenta)
61 ‘O cacciatore (il cacciatore)
62 ‘O muorto acciso (il morto ammazzato)
63 ‘A sposa (la sposa)
64 ‘A sciammeria (la marsina)
65 ‘O chianto (il pianto)
66 ‘E ddoie zetelle (le due zitelle)
67 ‘O totano int”a chitarra (il totano nella chitarra)
68 ‘A zuppa cotta (la zuppa cotta)
69 Sott’e’ncoppo (sottosopra)
70 ‘O palazzo (il palazzo)
71 L’ommo ‘e merda (l’uomo senza princìpi)
72 ‘A meraviglia (la meraviglia)
73 ‘O spitale (l’ospedale)
74 ‘A rotta (la grotta)
75 Pullecenella (Pulcinella)
76 ‘A funtana (la fontana)
77 ‘E diavule (i diavoli)
78 ‘A bella figliola (la bella ragazza)
79 ‘O mariuolo (il ladro)
80 ‘A vocca (la bocca)
81 ‘E sciure (i fiori)
82 ‘A tavula ‘mbandita (la tavola imbandita)
83 ‘O maletiempo (il maltempo)
84 ‘A cchiesa ( la chiesa)
85 Ll’aneme ‘o priatorio (le anime del purgatorio)
86 ‘A puteca (il negozio)
87 ‘E perucchie (i pidocchi)
88 ‘E casecavalle (i caciocavalli)
89 ‘A vecchia (la vecchia)
90 ‘A paura (la paura)

Non resta che agitare il “panariello” ed esclamare: tombola!!

Fonte: vicolostretto.net

“Speciale Natale”: Il presepe napoletano

presepe napoletano“Te piace ‘o presepe?” è il vero tormentone della commedia di Eduardo de Filippo “Natale in casa Cupiello”.

Luca Cupiello ama realizzare ogni Natale il suo presepe e cerca in ogni modo di ottenere l’approvazione di suo figlio Nennillo.

A metà del primo atto gli promette un nuovo vestito e due camicie e, indicandogli il presepe, gli domanda: “Te piace, eh? Te piace?”.
Nennillo, fregandosene della promessa del vestito e delle camicie: “No!”.

Poi di nuovo, mostrandogli la cascata del Presepe; “Te piace?”

E Nennillo:“No!”.

E ancora: “Come si può dire –non mi piace- se quello non è ancora finito?”
E Nennillo: “Ma pure quando è finito non mi piace!”

Anche la moglie Concetta punzecchia ripetutamente Luca:
“Non capisco che lo fai a fare”;
“Pare che stai facendo la Cupola di San Pietro! Ma vuttace quattro pastori…”.

E, rivolgendosi al portiere: “Vedete se è possibile che un uomo alla sua età si mette a fare il presepio. So’ juta pe’ le dicere: Ma che ‘o ffaie a fa’? Sapete che mi ha risposto: O faccio pe’ me, ci voglio scherzare io!”.

La commedia di Eduardo de Filippo è lo specchio del Natale napoletano. Proprio il presepe, infatti, più dell’albero, rappresenta il simbolo delle festività natalizie nella nostra città.

L’arte presepiale è antica e rivive nei vicoli di San Gregorio Armeno, dove  ogni anno si riversano turisti da ogni parte del mondo per ammirare gli artigiani all’opera nelle loro botteghe.

Curiosa è l’abitudine degli artigiani di creare pastori dei personaggi della scena politica e mondana attuale. Qualche esempio? Guardate qui.