La canzone classica napoletana

pulcinI primi canti napoletani sono legati alle tradizioni dell’ antica Grecia. Le musiche e le danze di Neapolis, città fondata dai Greci nel V secolo a.C., quelle legate al periodo della semina e del raccolto, le ritroviamo nella tammurriata, ancora oggi praticata nell’ interland napoletano e in particolare nei paesi vesuviani.

Nel ‘600 si affermò la tarantella che diverrà nei secoli successivi uno tra i ritmi più usati per le canzoni. Nasce dall’ incontro di due danze, la moresca araba e il fandango spagnolo, anche se alcuni pensano che derivi dal ballo pugliese della tarantola.

Era usanza già da tempo (forse dalla creazione delle finestre) di portare le serenate alle donne amate e lo si faceva spesso con il calascione (o colascione), antico strumento napoletano simile alla chitarra. Coloro che eseguivano le serenate, erano gli stessi che popolavano l’ immenso numero di taverne che si svilupparono a Napoli nel ‘700 ed era lì che avvenivano vere e proprie sfide di improvvisazione.

Ma questo è anche il tempo dell’opera buffa, genere teatrale che si basava sulla musica cantata, la quale veniva spesso presa in prestito da motivi popolari, capitava comunque anche il contrario e cioè che un brano creato nell’ambito dell’opera buffa diventasse una canzone popolare.

Nell’800 si pose il problema di raccogliere tutta la musica del popolo in spartiti e così nacquero le prime case editrici, che ebbero il merito di conservare e diffondere ciò che altrimenti sarebbe andato perduto. Contemporaneamente alcuni autori componevanocanzonette, che, assieme alla precedente produzione musicale, suscitarono l’interesse di turisti stranieri, generando così un fenomeno folkloristico.

Solo alla fine di questo secolo, però, poeti e musicisti di grande fama cominciarono ad interessarsi della canzone napoletana e diedero i natali a quella che è conosciuta come canzone d’autore, interpretata da grandi cantanti, ancora oggi in tutto il mondo.

Fonte http://www.lacanzonenapoletana.com

A’ livella di Totò

toto2Signori si nasce e io lo nacqui, modestamente!”  recitava il Principe Antonio de Curtis, uno dei più grandi interpreti del teatro e del cinema italiano.

Totò, grande orgoglio del popolo napoletano, è stato anche un grande poeta e “‘A livella” è sicuramente uno dei suoi più grandi capolavori.

La poesia è un lungo discorso tra due ombre: un marchese e un netturbino. Il primo si lamenta di essere stato seppellito accanto all’altro, considerato il diverso grado sociale dei due. Dopo un lungo discorso il netturbino gli spiega che, indipendentemente da ciò che si era in vita, col sopraggiungere della morte si diventa tutti uguali.

Di seguito il testo, interamente scritto in dialetto napoletano:

“Ogn’anno, il due novembre, c’è l’usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll’adda fa’ chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn’anno puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch’io ci vado, e con i fiori adorno
il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza

St’anno m’è capitata ‘n’avventura…
dopo di aver compiuto il triste omaggio
(Madonna), si ce penzo, che paura!
ma po’ facette un’anema ‘e curaggio.

‘O fatto è chisto, statemi a sentire:
s’avvicinava ll’ora d’ ‘a chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

“QUI DORME IN PACE IL NOBILE MARCHESE
SIGNORE DI ROVIGO E DI BELLUNO
ARDIMENTOSO EROE DI MILLE IMPRESE
MORTO L’11 MAGGIO DEL ’31.”

‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto…
… sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine;
tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore
nce steva n’ata tomba piccerella
abbandunata, senza manco un fiore;
pe’ segno, solamente ‘na crucella.

E ncoppa ‘a croce appena si liggeva:
“ESPOSITO GENNARO NETTURBINO”.
Guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! ‘Ncapo a me penzavo…
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s’aspettava
ca pure all’atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s’era ggià fatta quase mezanotte,
e i’ rummanette ‘chiuso priggiuniero,
muorto ‘e paura… nnanze ‘e cannelotte.

Tutto a ‘nu tratto, che veco ‘a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia…
Penzaje; stu fatto a me mme pare strano…
Stongo scetato … dormo, o è fantasia?

Ate che’ fantasia; era ‘o Marchese:
c’ ‘o tubbo, ‘a caramella e c’ ‘o pastrano;
chill’ato appriesso’ a isso un brutto arnese:
tutto fetente e cu ‘na scopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro…
‘o muorto puveriello… ‘o scupatore.
‘Int’ a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:
so’ muorte e se retireno a chest’ora?

Putevano stà ‘a me quase ‘nu palmo,
quando ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,
s’avota e, tomo tomo… calmo calmo,
dicette a don Gennaro: “Giovanotto!

Da voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono un blasonato?!

La casta e casta e va, si, rispettata,
ma voi perdeste il senso e la misura;
la vostra salma andava, si, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la vostra vicinanza puzzolente.
Fa d’uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente”.

“Signor Marchese, nun è colpa mia,
i’ nun v’avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie b stata a ffa’ sta fessaria,
i’ che putevo fa’ si ero muorto’?

Si fosse vivo ve farrie cuntento,
pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse,
e proprio mo, obbj’… ‘nd’a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n’ata fossa.”

“E cosa aspetti, oh turpe macreato,
che 1’ira mia raggiunga 1’eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei gih dato piglio alla violenza!”

“Famne vedé… piglia sta violenza…
‘A verità, Marché’, mme so’ scucciato
‘e te senti; e si perdo ‘a pacienza,
mme scordo ca so’ muorto e so’ mazzate!…

Ma chi te cride d’essere… nu ddio?
Ccà dinto, ‘o vvuò capì, ca simmo eguale?…
… Morto si’ tu e muorto so’ pur’io;
ognuno comme a ‘n’ato è tale e qquale.”

“Lurido porco!… Come ti permetti
paragonarti a me ch’ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?”

“Tu qua’ Natale … Pasca e Ppifania!!
f T’ ‘o vvuo’ mettere ‘ncapo… ‘int’ ‘a cervella
che staje malato ancora ‘e fantasia?…
‘A morte ‘o ssaje ched’e”…. e una livella.

‘Nu rre, ‘nu maggistrato, ‘nu grand’ommo,
trasenno stu canciello ha fatt’ ‘o punto
c’ha perzo tutto, ‘a vita e pure ‘o nomme
tu nun t’he fatto ancora chistu cunto?

Perciò, stamme a ssenti… nun fa’ ‘o restivo,
suppuorteme vicino – che te ‘mporta?
Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:
nuje simmo serie… appartenimmo â morte!”

 

Per approfondimenti su Totò vi rimandiamo qui.

Campania>Artecard

artecardCampania Artecard è una speciale card per viaggiare e scoprire il meraviglioso patrimonio culturale di Napoli e dell’intera regione in modo facile, economico e vantaggioso.

Musei, archeologia, eventi, trasporti pubblici e servizi turistici: tutto in un’unica card!

Sono diverse le tipologie di Campania Artecard disponibili, tutte estremamente comode e convenienti.

Si può scegliere tra:

NAPOLI E CAMPI FLEGREI (3 GIORNI/ € 16/ € 10 per i giovani dai 18 ai 25 anni)

Comprende il trasporto pubblico gratuito a Napoli e nell’area dei Campi Flegrei, nonché l’accesso gratuito ai primi 3 siti tra:

  • Museo Archeologico Nazionale di Napoli
  • Museo Nazionale di Capodimonte
  • Certosa e Museo di San Martino
  • Castel Sant’Elmo
  • Museo Duca di Martina
  • Museo Pignatelli Cortes
  • Palazzo Reale di Napoli
  • Museo Civico di Castel Nuovo
  • Città della Scienza
  • Museo Diocesano
  • Museo del Tesoro di San Gennaro
  • Madre, Museo d’Arte Contemporanea Donnaregina
  • Chiesa di Santa Maria Donnaregina Vecchia
  • Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa
  • Museo Archeologico dei Campi Flegrei nel Castello di Baia
  • Parco Archeologico di Baia
  • Anfiteatro Flavio e Tempio di Serapide
  • Parco Archeologico di Cuma
  • Rione Terra

 

Grazie alla card si potrà ottenere, inoltre, una riduzione del 50% dal 4° ingresso in poi sugli altri siti dell’itinerario.

TUTTA LA REGIONE (3 GIORNI/ € 27/ € 20 per i giovani dai 18 ai 25 anni)

Comprende il trasporto pubblico gratuito nell’intera regione, nonché l’accesso gratuito ai primi 2 siti tra:

  • Museo Archeologico Nazionale di Napoli
  • Museo Nazionale di Capodimonte
  • Certosa e Museo di San Martino
  • Castel Sant’Elmo
  • Museo Duca di Martina
  • Museo Pignatelli Cortes
  • Palazzo Reale di Napoli
  • Museo Civico di Castel Nuovo
  • Città della Scienza
  • Museo Diocesano
  • Museo del Tesoro di San Gennaro
  • Madre, Museo d’Arte Contemporanea Donnaregina
  • Chiesa di Santa Maria Donnaregina Vecchia
  • Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa
  • Museo Archeologico dei Campi Flegrei nel Castello di Baia
  • Parco Archeologico di Baia
  • Anfiteatro Flavio e Tempio di Serapide
  • Parco Archeologico di Cuma
  • Rione Terra
  • Reggia di Caserta
  • Anfiteatro Campano
  • Museo Archeologico dell’Antica Capua
  • Museo dei Gladiatori
  • Mitreo
  • Scavi di Pompei
  • Scavi di Ercolano
  • Scavi di Oplontis, Boscoreale e Stabia
  • Scavi di Paestum
  • Museo Archeologico di Paestum
  • Museo Narrante di Hera Argiva
  • Scavi di Velia
  • Certosa di Padula
  • Grotte dell’Angelo- Pertosa

 

Grazie alla card, inoltre, si potrà ottenere una riduzione del 50% dal 3° ingresso in poi sugli altri siti dell’itinerario.

LE ALTRE CARD:

NAPOLI CENTRO ANTICO (3 GIORNI/ € 12)

CASTELLI DI NAPOLI (3 GIORNI/ € 12)

NAPOLI E CASERTA (3 GIORN/ € 20)

ARCHEOLOGIA DEL GOLFO (3 GIORNI/ € 30)

REGGE E SITI BORBONICI (3 GIORNI/ € 20)

CILENTO (3 GIORNI/ € 13)

TUTTA LA REGIONE (7 GIORNI/ € 30)

Dove acquistare la Campania Artecard?

E’ possibile acquistare l’ARTECARD secondo una delle seguenti modalità:

  • online su www.campaniartecard.it
  • al numero verde 800600601 (dai cellulari +3900639967650)
  • presso i più importanti musei e siti archeologici del circuito
  • presso l’infopoint della Stazione Centrale di Napoli (dalle 9:00 alle 18:00)